NEWSLETTER DELLA FNISM - Sezione di Torino FRIDA MALAN - Numero 38 - Edizione speciale - Novembre 2019

SE NON RIESCI A VISUALIZZARE CORRETTAMENTE QUESTA PAGINA CLICCA QUI

BUON SENSO E SENSO COMUNE

  • L'attuale Ministro dell'Istruzione Lorenzo Fioramonti è persona di buon senso. Lo ha dimostrato di recente con una circolare sugli Esami di Stato, con cui ha abolito la farsa dell'estrazione della busta contenente l'argomento per l'avvio del colloquio; e - senza inseguire le lamentazioni che invocavano la reintroduzione del vecchio tema di storia, peraltro costantemente aborrito da generazioni di studenti - si è limitato saggiamente a prescrivere l'inserimento dell'argomento storico in una delle tipologie di prova scritta già previste dall'attuale normativa.

    Non tutta la politica, però, almeno quando si tratta di scuola, è dotata di altrettanto buon senso. A partire dalla presunta abolizione delle provincie, tanto caldeggiata e sbandierata qualche anno fa quale strumento per semplificare i meccanismi decisionali e risparmiare soldi pubblici. Alla fine, tutto si è risolto in un azzoppamento di quell'istituzione, sopravvissuta agonizzante alla propria morte annunciata, privata di una reale testa politica e soprattutto ridimensionata nelle proprie dotazioni finanziarie, ma non nei compiti che le sono affidati, fra cui quello di curare l'edilizia scolastica, con riferimento in particolare alle scuole secondarie di secondo grado: con il risultato che le condizioni degli edifici in cui i ragazzi trascorrono gran parte del proprio tempo sono in condizioni spesso indecorose, come denuncia fra l'altro proprio in questi giorni un rapporto della Fondazione Agnelli.

    Ma non lamentiamoci troppo. La politica finalmente si è svegliata. Dopo mesi di silenzio - talmente assordante che perfino gran parte di chi opera nella scuola neppure ne ricordava il nome - l'assessora all'istruzione della Regione Piemonte si è improvvisamente svegliata, inviando a tutti i dirigenti scolastici una circolare di grande rilievo istituzionale. In essa si invitano i presidi, "considerando l'avvicinarsi del Santo Natale, [...] a valorizzare [...] ogni iniziativa legata a questa importante Festività come l'allestimento di Presepi e lo svolgimento di recite o canti legati al tema della Natività". Naturalmente, la richiesta viene suffragata chiarendo dottamente: "è evidente che la conoscenza delle nostre tradizioni [...] sia un supporto alla piena integrazione per chi proviene da altre realtà". Suggerirei all'assessora che in futuro si potrebbero anche indurre le famiglie di religione ebraica a battezzare i propri figli: sarebbe un altro modo simpatico per favorire l'integrazione.

    Il Ministro Fioramonti si era dimostrato persona di buon senso anche quando aveva sollevato qualche dubbio sull'opportunità di esporre il crocifisso nelle aule scolastiche, sollevando un vespaio trasversale, alimentato dal senso comune clericale, nel quale i critici più benevoli ribadivano come ben altri fossero i problemi della scuola italiana. Mi permetto sommessamente di osservare che, in una scuola che dovrebbe essere laica e pluralista, l'esibizione del simbolo di una religione - di una sola religione - è un'anomalia - questa sì evidente - cui prima o poi si dovrebbe porre rimedio. Ma si sa: il senso comune è il peggior nemico del buon senso.

    P.S. Dimenticavo: l'assessora si chiama Elena Chiorino

    Prof. Marco Chiauzza

    (Dirigente Scolastico e Vicepresidente della FNISM - Federazione Nazionale Insegnanti)

  • La FNISM è accreditata come soggetto qualificato alla formazione, con decreto 23/05/2002.
    La Fnism vive grazie all'attività volontaria dei soci. E' per noi politicamente fondamentale e economicamente vitale essere sostenuti da insegnanti, in servizio e non, di qualsiasi ordine, inclusa l'Università: vi invitiamo, pertanto, in un momento in cui è importantissimo far sentire la voce delle Associazioni professionali e in cui è sempre più difficile poter contare su contributi pubblici, a iscrivervi o a rinnovare la vostra iscrizione alla sezione torinese, ma anche a far conoscere le nostre attività e la nostra Newsletter.
  • Siamo presenti su Facebook con una pagina dove sono ben accetti contributi e riflessioni di soci e simpatizzanti

Il nostro sito: http://www.fnism-torino.it/

Sede della sezione di Torino FRIDA MALAN: c/o Liceo classico 'Vittorio Alfieri', corso Dante, 80 - 10126 Torino

Telefono: +39 335 5777927

Per informazioni e comunicazioni: direttivo@fnism-torino.it

Arretrati:

Numero 37 - luglio 2019 Numero 36 - marzo 2019 Numero 35 - dicembre 2018
Numero 34 - aprile 2018 Numero 33 - dicembre 2017 Numero 32 - luglio 2017
Numero 31 - gennaio 2017 Numero 30 - novembre 2016 Numero 29 - luglio 2016
Numero 28 - febbraio 2016 Numero 27 - dicembre 2015 Numero 26 - settembre 2015
Numero 25 - dicembre 2014 Numero 24 - settembre 2014 Numero 23 - maggio 2014
Numero 22 - dicembre 2013 Numero 21 - ottobre 2013 Numero 20 - ottobre 2013
Numero 19 - aprile 2013 Numero 18 - novembre 2012 Numero 17 - aprile 2012
Numero 16 - novembre 2011 Numero 15 - giugno 2011 Numero 14 - marzo 2011
Numero 13 - dicembre 2010 Numero 12 - novembre 2010 Numero 11 - luglio 2010
Numero 10 - marzo 2010 Numero 9 - dicembre 2009 Numero 8 - ottobre 2009
Numero 7 - luglio 2009 Numero 6 - aprile 2009 Numero 5 - marzo 2009
Numero 4 - dicembre 2008 Numero 3 - ottobre 2008 Numero 2 - luglio 2008
Numero 1 - febbraio 2008 Numero 0 - novembre 2007  

Informativa ai sensi dell'art. 13, d. lgs 196/2003 Se vuoi cancellarti da questa newsletter invia a fnism.news@fnism-torino.it un messaggio vuoto con l'indicazione CANCELLA